Il sindaco di Minervino, Lalla Mancini si dimette dalla BAT: no alla nuova discarica

Dopo Canosa anche il comune di contrada Tufarelle reagisce alla decisione

E’ un no secco e convinto quello del Comune di Minervino e conseguentemente del Comune di Canosa all’ampliamento della discarica per rifiuti non pericolosi di contrada Tufarelle. La conferenza dei servizi della Provincia BAT convocata per analizzare tutti gli aspetti della vicenda e decidere se rilasciare o meno il via libera alla ditta Bleu, ha partorito una decisione positiva sul tema con alcune prescrizioni.

Insomma la discarica di Tufarelle potrà esser allargata ma i sindaci di Minervino e Canosa fanno muro. In particolare, dopo una nota stampa di ieri da parte di Roberto Morra primo cittadino di Canosa che ha ribadito il “no” della propria comunità a questo ampliamento, è arrivata in mattinata la decisione di Lalla Mancini, Sindaco di Minervino, di dimettersi per protesta da componente del consiglio provinciale della BAT. Nelle motivazioni si legge che «il via libera della Provincia significa la volontà politica e tecnica di attuare uno scempio ambientale le cui ripercussioni e ricadute vedranno coinvolte, soprattutto, le future generazioni».