Stasera il Consiglio Comunale, Morra: «Aggiornati i documenti»

Stasera il Consiglio Comunale, Morra: «Aggiornati i documenti»

Il commento del Sindaco di Canosa: «Diminuita la tassazione di IMU e TARi»

Il Consiglio Comunale torna a riunirsi questa sera per concludere l’iter di approvazione del Bilancio di Previsione. Come noto nella scorsa seduta sono state approvate le tariffe TARI, le aliquote IMU e TASI, l’addizionale IRPEF ed il Piano Economico Finanziario relativo allo spazzamento ed al servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani. Con la loro approvazione, tassativamente prevista entro il 31 marzo, queste tariffe ed aliquote esplicano i loro effetti dal 1° gennaio 2018.

«Ritorniamo in aula – ha commentato il sindaco di Canosa, Roberto Morra – per approvare il Piano Triennale delle Opere Pubbliche, il Documento Unico di Programmazione ed il Bilancio di Previsione 2018-2020, ritirati nel Consiglio Comunale dello scorso 28 marzo a causa di alcune discrepanze rilevate tra i vari documenti. In questi giorni gli uffici interessati hanno aggiornato i documenti, che questa sera porteremo in discussione in consiglio, anche alla luce delle variazioni di alcune voci nel frattempo intervenute. Per questo motivo sono stati preparati, dai dirigenti responsabili dei settori interessati, degli emendamenti tecnici necessari ad allineare le cifre contenute nei documenti da approvare. Nonostante le difficoltà economiche e finanziarie in cui versano le Amministrazioni Comunali, a causa della progressiva diminuzione dei trasferimenti dallo Stato – sottolinea il sindaco – siamo riusciti a diminuire la tassazione, in particolare IMU per la zona D5 e TARI, garantendo i sevizi necessari ai cittadini. Stiamo inoltre proseguendo il controllo e la verifica puntuale dei procedimenti amministrativi, segnalando alle istituzioni preposte alla vigilanza sul buon andamento dell’Ente gli atti che si ponevano in conflitto con la normativa vigente a tutela – conclude il sindaco –  sia del nostro Comune che degli stessi cittadini».