Fiume Ofanto esondato a Canosa: resta massimo l’allerta della Protezione Civile

Chiuso ieri per un paio d’ore il ponte della ex SS98. Si attende un miglioramento delle condizioni

Il Fiume Ofanto, ingrossato dalle piogge di questi giorni, è esondato proprio nei pressi del Ponte Romano a Canosa di Puglia. Desta preoccupazione soprattutto il ponte che sovrasta la ex strada statale 98. Ponte che nella giornata di ieri è stato chiuso per un paio d’ore a causa della grande quantità d’acqua e del pericolo nel transito delle vetture. Livello di guardia del fiume monitorato costantemente dalla Polizia Locale di Canosa oltre che dalla Polizia Provinciale e da diverse squadre di volontari. Fiume esondato che ha creato non pochi problemi ai campi circostanti completamente allagati. Diverse strade interne attorno al Ponte Romano sono completamente chiuse a causa proprio dell’acqua presente. La piena del Fiume ha attirato anche moltissime persone giunte proprio al Ponte Romano per una foto ricordo o per monitorare da un punto privilegiato la situazione. Diversi anche gli agricoltori giunti in mattinata e per cui è stato impossibile giungere sulle proprie terre.

Fiume Ofanto ad un metro dal livello di guardia, invece, nel tratto ofantino ricompreso tra San Ferdinando, Trinitapoli e Barletta. Anche qui massima attenzione con agenti di Polizia Locale dei tre comuni impegnati nel costante monitoraggio della situazione in costante collegamento con l’Autorità di Bacino. Resta anche per oggi, comunque, l’allerta arancione della Protezione Civile regionale anche se su tutto il territorio non piove più con costanza sin dal mattino. L’attenzione sul fiume Ofanto, tuttavia, resta massima anche per le violente piogge cadute nei giorni scorsi in Irpinia.