Memoria della morte del Santo Patrono San Sabino: celebrazioni e processione

Memoria della morte del Santo Patrono San Sabino: celebrazioni e processione

Sabato 9 febbraio ricorre il 1453esimo anniversario: il programma

E’ una ricorrenza che ormai si ripete da secoli: la memoria della morte di San Sabino, Santo Patrono della Città di Canosa, è un anniversario che l’intera comunità è coinvolta nell’onorare. Il Santo è deceduto proprio il 9 febbraio del 566 esattamente 1453 anni fa. A partire da mercoledì 30 gennaio una serie di incontri sino all’8 febbraio, incontri che hanno coinvolto tutte le comunità parrocchiali ed i sacerdoti della città canosina.

Ma il clou della ricorrenza sarà proprio nella giornata di sabato 9 febbraio. Sante Messe alle 7, 8.30, 9.30 e 19.30, mentre alle 11,30 la solenne Celebrazione Eucaristica Presieduta dal Vescovo Mons. Luigi Mansi e Concelebrata dai sacerdoti della città. Alle 18, poi, la celebrazione dei Vespri ed a seguire la processione con il Simulacro del Santo che percorrerà alcune strade della Parrocchia della Beata Vergine del Rosario. Seguirà la celebrazione Eucaristica.

L’itinerario della processione: Cattedrale, Corso San Sabino, Piazza Vittorio Veneto, via Imbriani, via Fornari, via Carlo Alberto, via Pascoli, via Toselli, Piazza Petroni, vico Saati, via Dogali, via Carlo Alberto, via M.R. Imbriani, via San Pietro, via Intra, via Goldoni, via M.R. Imbriani, Piazza V. Veneto, corso San Sabino ed il rientro in Cattedrale.

Per domenica 10 febbraio, infine, alle 20 vi sarà un concerto a cura del coro Polyphone di Bari. L’organizzazione è a cura del Comitato Feste Patronali di Canosa e dell’amministrazione comunale canosina.