Verso le Regionali 2020, il PD Canosa vuole un suo rappresentante

Incontro nella sede cittadina per avviare la ricerca del candidato

Si parte da una considerazione: negli ultimi anni il centrosinistra di Canosa non ha avuto alcun tipo di rappresentanza sia in Regione che in Provincia. Il desiderio di invertire la rotta per dare anche alle città più piccole del territorio la giusta visibilità all’interno delle istituzioni viene espresso dalla sezione locale del Partito Democratico, al lavoro per proporre una candidatura di rilievo alle elezioni regionali della prossima primavera. Troppo presto per fare nomi, dicono dalla sede di via Sicilia, dove si è iniziato a sondare la disponibilità degli esponenti di maggiore esperienza all’interno del partito. Come l’ultimo candidato sindaco del Pd, Antonio Imbrici, e la consigliere comunale Nadia Landolfi. Se dovesse prevalere la richiesta di un volto giovane, allora potrebbero salire le quotazioni dell’ex assessore comunale Marco Silvestri. L’appello del segretario cittadino Nicola D’Ariano è ad una candidatura rappresentativa delle istanze provenienti dai comuni più piccoli della Provincia.

In vista delle prossime elezioni regionali, quasi certa la ricandidatura nel PD dei due consiglieri barlettani Caracciolo e Mennea. Altri due nomi potrebbero venire dalla città di Trani mentre si cerca una sintesi nel territorio di Andria. Ma una volta garantita la giusta visibilità ai comuni capoluogo, spiega il segretario Pd della Bat Pasquale Difazio, potrebbe guadagnare consenso la proposta di Canosa.

Nel servizio, le interviste.

Lascia un Commento