Tragedia della strada a Canosa. Erano da poco trascorse le 13 di mercoledì 13 gennaio quando Pio Piscitelli, medico di 52 anni, è stato tamponato da un furgone mentre transitava sulla Strada Statale 93, a poche centinaia di metri dal centro abitato. L’impatto, le cui cause sono ancora in corso di accertamento, ha provocato la morte sul colpo dell’uomo a causa dello schiacciamento toracico e di un esteso versamento alla testa. Inutile l’intervento di un’equipe sanitaria del 118 cittadino, che non ha potuto far altro che attestare il decesso di Piscitelli. Difficoltosa anche la procedura di identificazione della vittima, che era uscito per una delle sue consuete passeggiate in bici in solitaria e l’aveva fatto senza documenti. L’uomo non era sposato e non aveva figli, così i suoi parenti più stretti non avendo sue notizie per ore si sono allarmati e hanno raggiunto il pronto soccorso cittadino, dove hanno ricevuto la tragica notizia. La persona alla guida del furgone si è fermata immediatamente dopo l’incidente. Si attende ora la convalida del sequestro del mezzo da parte del pm, mentre l’uomo è in stato di libertà e resterà a disposizione dell’autorità giudiziaria. Il traffico nella zona è stato fortemente rallentato per un paio d’ore. Sul posto polizia locale e polizia di stato.