«Le risultanze delle indagini condotte sul focolaio individuato in agro di Canosa di Puglia ci permettono di affermare che la xylella fastidiosa non si è diffusa in zone diverse del territorio. Ciononostante la Regione Puglia con DGR n. 69 del 27/07/2021, ha stabilito di applicare la deroga al comma 1 dell’art. 5 del Reg, (UE) 2020/1201 all’area delimitata di Canosa riducendo la zona cuscinetto intorno all’area colpita ad una larghezza comunque non inferiore a 1 km». A scriverlo in una nota è l’Assessore all’Agricoltura Francesco Sanluca.

«Come ricorderete, a novembre dello scorso anno sono state individuate alcune piante di dodonea viscosa infette da xylella fastidiosa subspecie pauca St53 in un vivaio in agro di Canosa. L’amministrazione Comunale – continua Sanluca – si è immediatamente attivata tramite l’assessore comunale in carica Francesco Lops per sollecitare la Regione Puglia al fine di applicare tutte le misure previste dai protocolli per circoscrivere il focolaio ed evitare che potesse estendersi. In brevissimo tempo tutte le piante specificate presenti nella zona infetta, sono state immediatamente sottoposte a campionamento e sono state estirpate indipendentemente dal loro stato sanitario.

Inoltre l’attività di monitoraggio condotta sui campioni vegetali e sugli insetti vettori prelevati sia nella zona limitrofa all’area infetta che nella zona cuscinetto ha dato esito negativo. I nostri agricoltori possono tirare oggi un sospiro di sollievo – conclude l’assessore – in quanto si tratta di un provvedimento che conferma l’efficacia dei protocolli messi in atto dalle istituzioni per frenare l’avanzamento dell’infezione, scongiurando così un grave danno d’immagine per la nostra agricoltura che è alla base dell’economia della nostra città».