«Tutti sanno che la nostra straordinaria Puglia è a rischio desertificazione con conseguenti danni inimmaginabili per l’agricoltura. Prendiamo acqua dalla Basilicata, dalla Campania e  dal Molise e proprio in virtù di ciò, penso siano indispensabili interventi strutturali per aumentare la capacità di approvvigionamento e distribuzione del bene “acqua”». A scriverlo in una nota è il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Francesco Ventola.

«Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è una grande e forse l’ultima opportunità per finanziare opere strategiche che risolvano il problema siccità. Ebbene al primo banco di prova  – spiega il consigliere regionale – la Regione Puglia fa flop: infatti, il Ministero dell’Agricoltura nonostante abbia finanziato 149 progetti per 1 miliardo e 620 milioni di euro, la Puglia del presidente Emiliano prende parte solo ad un progetto per 2 milioni e 100 mila euro. Per mesi e mesi abbiamo guardato al Pnrr come la soluzione a tutti i mali e proprio per questo ci aspettavamo che la Regione Puglia arrivasse all’appuntamento con degli investimenti pronti. Nello specifico, particolare attenzione destano quelli che riguardano la gestione delle risorse idriche, con progetti esecutivi pronti per essere finanziati ed invece ci ritroviamo di fronte all’ennesimo fallimento. Alla prima prova del Pnrr la Regione di Emiliano ha miseramente fallito l’obiettivo. Per questo quando abbiamo letto il decreto dei progetti approvati dal Ministero all’Agricoltura è stato un duro colpo: ancora una volta i nostri agricoltori devono fare i conti ,in passivo, di miliardi di euro che pioveranno in tutte le regioni, ma non in Puglia. Le politiche agricole di Emiliano condannano la nostra regione a restare senz’acqua ed aver perso questa occasione strategica, che cambierà il volto di tante regioni, non certifica solo il fallimento del governo Emiliano ma comporta un danno economico del quale avvertiremo il costo con il passare degli anni, quando le regioni che avranno presentato progetti esecutivi avranno un’agricoltura più competitiva della nostra. Il tutto mentre si continuano a perdere ulteriori soldi europei del Psr: la Xylella è alle porte di Bari e sul piano dell’irrigazione continueremo purtroppo – conclude Ventola – ad aspettare le grandi opere pubbliche: sì, aspetta e spera!».