Ritorna, dopo vent’anni, il derby fra Canosa Calcio e Barletta 1922. Nella 6^ giornata del campionato di Eccellenza, i rossoblù fanalino di coda a quota zero punti dovranno vedersela, fra le mura amiche del “San Sabino”, contro i biancorossi attualmente primi nel girone a punteggio pieno con 15 punti. Destini ed obiettivi opposti per le due compagini: i canosini, di ritorno in Eccellenza dopo 24 anni, rincorrono l’obiettivo salvezza mentre i ragazzi di mister Farina, ora più che mai, sono alla ricerca di quella continuità di risultati che possa permettergli di ottenere la promozione diretta in Serie D.

Il Canosa Calcio del presidente Tedeschi con cinque sconfitte collezionate in altrettante partite disputate, si presenta a questo big match con nuove e ritrovate motivazioni viste le ultime vicissitudini. Infatti, l’ufficializzazione di mister Gino Zinfollino come nuova guida tecnica sembra aver riportato nuova linfa e nuovo entusiasmo per un progetto giovane ma che allo stesso tempo necessita forse di un po’ di tempo per carburare. Zinfollino, ex allenatore di Cerignola, Bitonto e Vigor Trani, ha dalla sua l’esperienza giusta per condurre i rossoblù fuori dai meandri bui delle zone basse di classifica ma all’ esordio ufficiale sulla panchina canosina, dovrà subito vedersela con la prima della classe in un vero e proprio testacoda. Sospinti dal pubblico di casa, che si preannuncia molto numeroso, i rossoblù cercheranno di smuovere la classifica e di conquistare punti che potrebbero dare una carica maggiore in vista del proseguo. Insomma, una vera e propria impresa alla vigilia di un incontro che potrebbe vedere un Canosa diverso dalle ultime uscite stagionali relativamente soprattutto al modulo tattico anche se, considerando il poco tempo a disposizione, non si esclude che il tecnico ofantino non vada, almeno per il momento, a stravolgere equilibri ed idee.

Il Barletta dopo il 4-1 rifilato alla Vigor Trani, vuole continuare nel proprio percorso verso l’agognata promozione. I dati statistici parlano di una squadra in grado di mettere a referto 19 reti in cinque incontri con Antonio Pignataro osservato speciale in virtù del suo istinto di attaccante che lo ha portato a centrare il bersaglio per quattro volte. Al miglior attacco del girone A del massimo campionato regionale si contrappone anche la miglior difesa con appena tre reti subite a testimonianza del livello tecnico dei biancorossi. L’avvio di stagione si conferma poi più che positivo se si considera anche il percorso in Coppa Italia: infatti, dopo aver eliminato l’Unione Calcio Bisceglie nel primo turno, capitan Polidori & Co si sono imposti anche nell’andata del secondo turno sul Trinitapoli per 1-0. Il programma della 6^ giornata del massimo campionato regionale vedrà il Corato, seconda forza del girone A, affrontare fra le mura amiche il Trinitapoli di mister Scaringella. Impegni esterni invece per Manfredonia e San Severo, di scena rispettivamente contro Atletico Vieste e Borgorosso Molfetta. Chiudono il quadro Real Siti- San Marco, Unione Calcio Bisceglie- Orta Nova e Vigor Trani-Città di Mola.