«In seguito alla revoca da commissario cittadino dell’avvocato Cristian Del Vento ed alla nomina del nuovo commissario, i componenti del direttivo del partito di Forza Italia Canosa, non riconoscendosi in questo provvedimento, prendono le distanze rassegnando formalmente le dimissioni da ogni incarico di partito». A scriverlo in una nota è il direttivo dimissionario di Forza Italia nelle persone di Roberto Coppola, Michele Schirone, Antonio Forte, Antonio Labianca, Antonio Barbarossa, Natalia Stranieri, Marco Mangione, Modica Teodoro e Massimo Di Monte.
«Esprimiamo piena solidarietà umana e politica nei confronti dell’avvocato Del Vento – spiega il direttivo – capace di ricostituire la segreteria cittadina priva di precedente riferimento nella città di Canosa anche attraverso l’aggregazione di altre forze politiche locali, facendosi portavoce delle scelte unitarie condivise da tutta la sezione locale del partito di Forza Italia Canosa a  sostegno del dottor Michele Schirone, espressione di un’ampia coalizione di movimenti civici. Condanniamo, altresì, l’atteggiamento ingiustificabile del partito che ha cercato di imporre la convergenza sul candidato  Malcangio, delegittimando così una candidatura autorevole quale quella del dottor Schirone, e nominando al contempo nuovo commissario della sezione locale chi, fino a qualche settimana prima, aveva condiviso e sostenuto la candidatura dello stesso Schirone.
In conclusione, da rendere noto è come alcuni rappresentanti del partito ed un componente del direttivo che sostenevano il nostro candidato sindaco si sono schierati con una disarmante disinvoltura e scorrettezza politica, con un altro candidato in nome di una presunta unità del centrodestra che – chiosa il direttivo – di fatto, se analizzata nel dettaglio, non sussiste».