L’Amministrazione Comunale, in occasione della festa di San Sabino organizzata dall’associazione “Il Ponte dei canosini di Torino” in programma sabato 2 e domenica 3 luglio, desidera salutare i propri concittadini esprimendo fierezza ed orgoglio per quanto, annualmente, organizzato magistralmente in onore del Santo Patrono.

«Giunga il mio più sentito ringraziamento al presidente Pasquale Valente e a tutti gli associati che nonostante la lontananza dalla propria terra – spiega il Sindaco Vito Malcangio – continuano a coltivare quotidianamente l’amore per la propria terra e per le proprie origini. Essere canosini è un onore, un privilegio: da primo cittadino non posso che essere onorato del vostro operato in termini di associazionismo e coinvolgimento, senza dimenticare come voi siate anche al contempo un esempio da inseguire e perseguire per i più giovani, per coloro che saranno chiamati da qui a qualche anno a rappresentare il nostro futuro. Ritengo fondamentale, in ottica presente ma anche futura, continuare a fortificare questo legame, questo “ponte” che lega la nostra città a voi residenti in quel di Torino. Il mio augurio è quello di potervi presto incontrare, avendo così la possibilità di ascoltare le vostre esperienze di vita in terra piemontese. Le porte di Palazzo di Città, della vostra casa, con me, sono e saranno – conclude il primo cittadino – sempre aperte. Viva Canosa, viva i canosini!»

«L’associazione “Il Ponte dei canosini di Torino” – afferma l’Assessore agli Eventi Saverio Di Nunno – è una realtà ormai consolidata da anni. Desidero rivolgere un pensiero di ringraziamento per l’opera prestata, auspicando che tutto ciò possa continuare a rappresentare, per l’intera cittadinanza, un modello a cui far riferimento costantemente».