Home Sport Il Canosa Calcio scalda i motori: Foggia Incedit l’insidia dietro l’angolo

Il Canosa Calcio scalda i motori: Foggia Incedit l’insidia dietro l’angolo

Nei rossoblù squalificati sia capitan Montrone, sia Lamacchia

La vittoria ottenuta in casa della capolista Molfetta ha consegnato al Canosa Calcio di mister Zinfollino la consapevolezza che tutto, nonostante la penalizzazione in classifica, sia nelle proprie, che tutto dipenda ora più che mai da loro stessi. La panchina lunga che il direttore sportivo Francavilla e il presidente Di Nunno hanno messo a disposizione del tecnico andriese potrebbe risultare determinante tant’è che ad oggi, l’ex allenatore di Mola e Corato ha cambiato quasi sempre l’undici titolare in campo e, nelle ultime due partite, anche modulo. In una giornata, l’11a di campionato, in cui a spiccare è il big match Bisceglie- Molfetta, a spiccare altrettanto è anche quello fra Canosa e Foggia Incedit con gli ospiti che vivono attualmente un ottimo momento di forma.

Una squadra ostica quella di mister La Salandra in grado di fermare nelle ultime giornate prima il Molfetta sull’1-1 e poi il Real Siti condannandola in rimonta alla sconfitta per 3-2. Non ultimo, in Coppa Italia, un ulteriore risultato che conferma il potenziale dei foggiani, vale a dire la vittoria per 1-2 nel 3^ turno di Coppa Italia contro l’Unione Calcio Bisceglie al “Di Liddo” grazie alle marcature dell’ex Canosa Siclari e di Doukoure. I canarini, ottavi in campionato con 13 punti frutto di tre vittorie, quattro pareggi e tre sconfitte, hanno costruito il proprio rendimento fra le mura amiche in quanto ben dodici punti sono stati totalizzati con il fattore campo a favore e solo uno in trasferta contro il Corato per 2-2. Alle 14 reti realizzate, i foggiani ne contrappongono i 20 subiti per una media a partita di due marcature incassate. Balza agli occhi il rendimento di Doukoure, autore di sei reti come anche quello di Siclari con quattro centri messi a referto. In rosa, inoltre, figurano giocatori in grado di abbinare quantità a qualità come Barrasso e Dascoli, mentre a non prendere parte della spedizione dei canarini in terra ofantina sarà il centrocampista Joof, espulso domenica scorsa contro il Real Siti. Le squalifiche non mancheranno anche in casa Canosa con Montrone, due giornate, e Lamacchia, una, che osserveranno i propri compagni di squadra dalla Tribuna “Mauro Lagrasta”.

In casa rossoblù, come dichiarato recentemente dal presidente Di Nunno, si lavora per micro obiettivi, passo dopo passo. La marcia prosegue, in attesa che la sosta natalizia non dia un primo responso sulla bontà del lavoro del sodalizio canosino.

Exit mobile version