Il Canosa Calcio vuole osare, provare a scombinare nuovamente le gerarchie e il big match di domenica contro la vice capolista Real Siti al “San Sabino” pare essere l’occasione giusta. I rossoblù, guidati da mister Zinfollino, vivono un ottimo momento di forma complice anche le cinque vittorie consecutive ottenute, fra cui l’ultima in ordine temporale quella contro il Foggia Incedit, maturata soffrendo maggiormente rispetto alle precedenti uscite. Del resto, non sempre si può essere brillanti ma al contempo, portare il risultato a casa nonostante ciò, è sintomo di squadra matura come dimostrano anche dai numeri che vedono la retroguardia ofantina la meno battuto del girone A di Eccellenza complice le prestazioni di Vicino, capace di tenere la propria porta inviolata per ben cinque volte.

Il sodalizio del patron Di Nunno, con 17 punti in classifica, si ritrova ad oggi a meno sei dagli stornarellesi con la possibilità di rosicchiare nuovamente punti in caso di vittoria. Per quanto senza penalizzazione sarebbero capitan Montrone & C la capolista del girone in condominio con l’Unione Calcio Bisceglie, focalizzare l’attenzione sul presente e sui prossimi impegni diventa più che fondamentale. Canosa e Real Siti, due squadre apparentemente diverse ma simili, detengono assieme il miglior attacco del campionato con 25 reti messe a segno ed entrambe, in questo avvio di regular season, hanno stupito gran parte degli addetti ai lavori. Se la fase difensiva, quella canosina, risulta essere la migliore del raggruppamento (4 reti in meno subite rispetto ai foggiani), d’altro canto c’è da considerare come sia l’una che l’altra siano riuscite a mandare in rete più giocatori, nove ii ragazzi di mister Ciurlia, undici quelli di Zinfollino.

Con un ruolino fuori casa fatto di tre vittorie e due sconfitte, la società del presidente Fiordelisi si presenterà al “San Sabino” come autentica outsider guidata dai due suoi capocannonieri, Cormio e Dibari autori fino a questo momento di sei marcature, seguiti a quota quattro da Thiam. Reduci da due vittorie, due pareggi ed una sconfitta nelle ultime cinque, l’ultima affermazione esterna degli ospiti risale al 29 ottobre con l’1-2 in casa del Mola per una media realizzativa lontano dalle mura amiche, complice lo 0-6 rifilato al modesto San Severo, di tre reti per incontro a cui fanno da contraltare le otto subite.

In casa Canosa Calcio, dopo l’1-0 al Foggia Incedit continua il tour de force che si concluderà il 3 dicembre con la trasferta in casa del Bisceglie. Domenica, i padroni di casa potranno tornare a contare nuovamente su Lamacchia, di rientro dalla squalifica, Milella, alla sua prima convocazione e su Russo, pienamente recuperato dopo l’infortunio. Unico indisponibile capitan Montrone, che sconterà l’ultimo dei due turni di squalifica rimediati contro il Molfetta due domeniche fa. I margini di errore dei rossoblù sono molto risicati, per recitare un ruolo da protagonista in questo campionato occorre continuare a sbagliare il meno possibile.