Home Cronaca In un anno 8000 beni culturali recuperati nel 2023. Nell’operazione Canusium 21...

In un anno 8000 beni culturali recuperati nel 2023. Nell’operazione Canusium 21 misure cautelari

Il report delle attività svolte tra Puglia e Basilicata dai carabinieri del nucleo a tutela del patrimonio culturale

Più di 8mila beni culturali restituiti allo Stato, tra cui opere di antiquariato e reperti archeologici. Venticinque persone arrestate e un centinaio denunciate per ricettazione, esportazione illecita di beni culturali, violazioni in materia di ricerche archeologiche, contraffazione di opere d’arte, violazioni ai danni del paesaggio e del codice a tutela dei beni culturali. Sono alcuni dei numeri che descrivono le attività che i carabinieri del nucleo a tutela del patrimonio culturale (Tpc) hanno svolto l’anno scorso in Puglia e Basilicata. Nel corso del 2023 sono state eseguita 60 perquisizioni domiciliari e locali che hanno consentito il recupero di beni che se fossero finiti sul mercato nero, avrebbero fruttato guadagni per 4 milioni di euro. Gli accertamenti dei militari si sono concentrati anche sulla vendita on line di oggetti di arte.

Come quelli che 21 persone denunciate dai carabinieri avrebbero smerciato tramite e commerce: si tratta di beni risalenti tra il III e il V secolo avanti Cristo. Due le inchieste di rilievo condotte. La prima, denominata Canusium, coordinata dalla procura di Trani, che ha permesso di scoprire un traffico internazionale di beni archeologici e che ha portato alla esecuzione di 21 misure cautelari a carico di altrettante persone accusate a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata allo scavo clandestino, furto, ricettazione ed esportazione illecita di reperti archeologici e numismatici. La seconda ha interessato l’isola di San Nicola nell’arcipelago delle Tremiti, nel Foggiano, a tutela di aree ed edifici d’interesse storico e architettonico che ha portato alla segnalazione di 18 persone responsabili della violazione delle norme a tutela del patrimonio culturale e delle aree naturali protette, di occupazione di aree demaniali marittime in assenza di autorizzazioni.

Exit mobile version