“Storia del Brigantaggio nella valle dell’Ofanto”, domani la presentazione del libro

“Storia del Brigantaggio nella valle dell’Ofanto”, domani la presentazione del libro

A partire dalle ore 19.30 a Palazzo Iliceto, a cura della Pro Loco di Canosa

Nell’ambito delle iniziative “Porte aperte alla ProLoco”, l’autore Antonio Michele Paradiso sarà a Canosa con il suo libro “Storia del Brigantaggio nella valle dell’Ofanto 1860 – 1865”, giovedì 28 novembre 2019 alle ore 19,30,l. Cornice dell’incontro il Palazzo Iliceto in Via Trieste e Trento 20.

“Storia del Brigantaggio nella valle dell’Ofanto 1860 – 1865” : un viaggio coraggioso e appassionato tra contadini e briganti in armi, borghesia al potere e Stato, burocrazia amministrativa e Guardia Nazionale.

Sono i protagonisti di questa Storia del Brigantaggio nella valle dell’Ofanto ricostruiti dall’autore grazie all’accurata indagine e analisi dei documenti custoditi nell’Archivio Storico della Città di Canosa.

“Sullo sfondo di un conflitto sanguinoso svoltosi nel Mezzogiorno d’Italia dal 1860 al 1865 tra occupanti e occupati, con la caratteristica di una vera e propria guerra civile tra Italiani” , queste pagine danno voce, oltre a figure già note al grande pubblico, a personaggi meno noti o del tutto sconosciuti: sindaci come Giuseppe Barbarossa, Fabrizio Rossi, Vito Samele e Calderone di Lavello con le loro idee e opinioni; contadini, massari, proprietari, semplici cittadini con le rispettive deposizioni giurate; generali, intellettuali, magistrati, uomini d’arme con le dichiarazioni da loro rese alla Commissione d’inchiesta sul brigantaggio nelle province meridionali;

importanti funzionari dello Stato, come il Prefetto di Bari Fasciotti, il Sotto Prefetto di Barletta Manganaro e funzionari semplici, come il Delegato valdostano di Pubblica Sicurezza Claudio Berthhod.

“un appuntamento da non perdere giovedì 28 novembre con lo scrittore Antonio Michele Paradiso – ha dichiarato il presidente Pro Loco Canosa Elia Marro – che incontra i soci della Proloco e tutti i cittadini per investigare insieme sull’ultimo lavoro letterario che è stato definito come affresco vario e realistico di persone e fatti, come si addice al grande scenario della storia. Non mancate!”

La cittadinanza è invitata.